L'Ue chiede formaggio SENZA LATTE

Diffida a Roma per le nostre leggi "troppo stringenti"

Uno dei nostri principali vanti è il formaggio italiano.

Un formaggio VERO.
Un formaggio BUONO.

In Italia consumiamo più del 50% di quello che produciamo.
Dobbiamo essere soddisfatti del nostro lavoro.
Ma l'ostacolo arriva da oltre confine:

"Dare il via libera anche in Italia al formaggio prodotto senza latte: a chiederlo è l’Europa. La Commissione europea ha infatti inviato a Roma una diffida in cui definisce troppo stringenti le leggi italiane in materia e auspica che la Penisola metta fine al divieto di utilizzo di latte in polvere concentrato e ricostituito per la fabbricazione del formaggio. La normativa italiana, che proibisce l’uso di surrogati, è considerata un ostacolo alla “libera circolazione delle merci”, dato che nel resto dell’Unione europea i “latticini senza latte” (formaggio ma anche yogurt) sono di uso comune."

Investiamo in comunicazione, in marketing.

Facciamo conoscere sempre di più il reale e profondo valore di quello che produciamo, il vantaggio dato dai nostri rigidi disciplinari di produzione, la certezza di ciò che arriva in tavola a noi - ai consumatori.

 FONTE:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/28/commissione-ue-diffida-litalia-permetta-di-produrre-formaggio-anche-senza-latte/1823097/